“Velluto nero” (October16)

Esco in giardino,

ha smesso di piovere.

La lastra della meridiana segna

il giorno  che sta per finire.

Un’ombra mi accompagna

e prende la mia mano,

sei tu che per un attimo incroci

il tuo destino con il mio.

Respiri di seta hanno sciolto

le  ragnatele che opprimevano

i miei occhi e vedo limpida

la tua immagine.

Vedo le ciocche dei tuoi capelli

incendiarsi di sole,

velluto nero che si infiamma.

La tua bocca si empie di riflessi

in un lieve tocco, come luce

si posa sula mia pelle

ed io mi sento trafitta

come una farfalla,

fragile nell’amore.

(Stella Olrich)

Annunci

Informazioni su Stella Olrich

Life is poetry when we are at peace with ourselves
Questa voce è stata pubblicata in my poems, parole ritrovate e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...