“Come una favola”

Come fossi una statua d’argilla

tu mi hai soffiato dentro

e dato vita,

mi hai fatto rinascere

più luminosa dell’aurora.

Se anche un giorno dovessi perderti

nelle rughe del tempo

so che qualcosa di te mi seguirà

e illuminerà il mio cammino.

Sarai raggio di sole

o scintilla di stella.

Sarai brezza d’oriente,

 e vento caldo,

mi abbraccerai d’immenso.

Non avrò paura perché di sabbia e d’oro

sempre ti ritroverò.

Insieme percorreremo le dune del deserto

o le cime delle montagne,

come puledri mai stanchi

galopperemo scendendo a valle assieme al phon.

Ci mischieremo tra i muschi dei prati

e le acque dei ruscelli,

argenti e smeraldi saranno

i nostri occhi persi in quel paradiso.

D’azzurro e nuvole saranno i nostri sogni,

mentre raccoglieremo i fiori più belli e odorosi

per farne ghirlande da sposa.

Riposeremo poi  sul ventre della terra

ascoltando il sospiro delicato della luna,

oppure veglieremo  il morbido tremolio

delle stelle sparse sul velluto nero del cielo.

Così immersi nel delicato oblio

parleremo piano alla notte

raccontandole il nostro amore in silenzio

come fosse la storia più bella rubata a un libro di favole.

(Stella Olrich)

Annunci

Informazioni su Stella Olrich

Life is poetry when we are at peace with ourselves
Questa voce è stata pubblicata in my poems e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...