“La poesia”by book “Pan de casada-ciacolade paraboliche”-Ugo Suman

Penso che sarìa na bela roba podére fare -come se dise – na indagine conossitiva sul parchè el parcòme ai nostri dì la poesia in genere la ze messa da parte, tegnùa poco in considerassion, poco vardà e manco ancòra léta; quela in lingua, no parlémo po’ de quela in dialeto.

Come in tute le robe de sto mondo, anche in questa, ghe ze na caterva de opinion discordi: uno la vede in un modo e n’altro in uno diverso: tuti vol dire la sua, e tuti crede… che la sua sia la vera verità su l’argomento.

In Italia – sentensia i cosidetti doti – la poesia ze poco tegnù in considerassion, specialmente dai zovani, parchè no i ghe la fa amare e gustare dai banchi de scola. La ze snobà anche dai professori che ghe dà più importansa a altre materie pitosto che a la poesia. Tantopiù – pensa serta zente – che de poesia no se vive né se magna.

Questa ze la situassion in genere par la poesia in lingua italiana, penséve un fià par quela in dialeto (o lingua Veneta, par noialtri) che spesso la ze derisa o considerà un soto prodoto, un materiale de scarto; un fià par ignoransa e più ancòra par malafede.

Intendemose, ghe ze tanti altri motivi oltre a questo che i più crede el principale. Par esempio ghe ze serta poesia cosideta moderna che la ze un gran rompitesta, difissile da capire, a volte impossibile adiritura da parte dei zovani e anche da quei che zovani no ze più. Naturalmente, se no se possibile capire la poesia se capisse manco ancora el poeta:

no capìndo poesia e poeta, no se pol gnanche capire lo scopo de la poesia stessa, el so vero valore, el so posto nel contesto – scuséme qualche vocabolo italianizà par rendare più fassile la comprension – de tuta la cultura de tipo umanitario.

El poeta vien spesso scambià par uno che ga da avere un messajo da inviare a la zente o na storia da contare. Serti critici – ciamemoli cussì – i ghe trova fora in serte composission, dei significati ch’el poeta no gavéva gnanche par la testa: (mistero de la critica).

El poeta, invesse, nol ze mai un cantastorie, un narratore – se dirìa in lingua – quasi mai el se rivolge diretamente ai so letori, assolutamente mai l’è un bufon uno che fa ridare che diverte, come crede tanti.

El poeta vero, in genere, l’è na persona malinconica, dotà de na sensibilità particolare, che da la so vita, da le so esperiense, spesso dai so dolori, el ze riussio a tirarghene fora tuti i sughi, dal più amaro al più dolse, fin a pérdare, de quel che ze la vita, ogni illusion.

Spesso, la sua ze na ricerca particolare, essensiale, ristreta al massimo su quel che riguarda “l’òmo” co tuti i so segreti, le so aspirassion, le so speranze, le so paùre, i so dolori, i so abandoni. E, sora de tuto, el sente drento un bisogno aspro de assoluto, de conossensa de tute le segrete motivassion de l’Essere e de l’esistere e, no solo par i giorni de sta vita o par i giorni che core, ma anche e soratutto, par el doman, un doman che va oltre sta vita, oltre la morte.

Questo ze el poeta e questo dovarìa essare lo scopo de la poesia.

A sto punto qua – quasi la magioransa de la zente – pensa che, apunto par quelo che gavémo za dito, sta benedeta poesia no la ghe intaréssa tanto ai zovani che, no avendo ancòra mucià un bon fagoto de interogativi inquietanti, no i ne sente la necessità, come no i sente quela de posàrse a un baston par caminare dato che i ga le gambe bone.

La poesia alòra – sempre secondo i giudissi de serta zente – la dovarìa essare solo un conforto par i ansiani, un stimolo de riflession, forse anche un motivo sempre novo de speransa par quei che ze su l’orlo de la busa…

Mi no credo proprio che ghe ne sia tanti anche fra i ansiani che sente sta necessità, che ga el tempo o el corajo de coltivarse drento sta piantina tanto pressiosa. I più preferisse no scomodarse no fadigare e i se contenta de verità za confessionà soto vuoto spinto…(scusè el picolo scherzo) piutosto che fare na ricerca personale sempre impegnativa e fadigosa.

Rivare a scoprire che el mondo dei òmani e de le robe, in altre parole, che la vita ze sempre bela e degna de essare ritegnù un “dono” proprio parchè la ze difissile, amara, imprevedibile no ze serto piasévole par i più. Mentre el poeta (quelo vero) el ga drento de lu, par dono gratuito e sovrano de la Natura, la capassità de crivelare i fati de la vita butando al vento tute le stupide pajete che fa solo mùcio par conservare quele che ze le autentiche “perle” de la sagessa umana.

Na fadìga el più de le volte derisa, tolta in giro, incompresa, compatìa e compassionà. Ma, anche fra ste dificoltà, el poeta continua la so ricerca, anche se dolorosa, par portare a la conossensa del prossimo, el so amore par la vita e par l’umanità. El mezo poetico ga da afermare in continuassion, co fede e convinsion profolda, che la vita ze anche un sogno, spetacolo maravejoso, dono da gustare sempre e comunque fin a la fine, co realismo fin che volì, ma anche co cuore semplice, dirìa, infantile.

A sto punto, la semplicità e la immediatessa del poeta, la ga na importansa capitale. E ze proprio da sta considerassion che se pol capìre e valutare seriamente la pressiosità del dialeto: un linguaggio nobile e dignitoso oltre che immediato.

Sensa dubio el più immediato de ogni linguagio, parchè el più direto, el più essensiale, el più puro.

Me par doveroso saràre sta ciacolada dedicà a la poesia in genere e a quela in dialeto in particolare, ricordando ancòra na volta a qualche distrato, che la poesia vera, quela con la “P” maiuscola, no la ga nessun agetivo: no la ze né in lingua né in dialeto; comunque la vegna rivelà in parole, la ze e la resta solo Poesia.

(Ugo Suman)

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Informazioni su Stella Olrich

Life is poetry when we are at peace with ourselves
Questa voce è stata pubblicata in Books e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...