“Winter remembered”- John Crowe Ransom by book “Poesie d’amore del novecento”

Two evils, monstrous either one apart,

Possessed me, and were long and loath at going:

A cry of Absence, Absence, in the heart,

And in the wood the furious winter blowing.

Think not, when fire was bright upon my bricks,

And past the tight boards hardly a wind could enter,

I glowed like them, the simple burning sticks,

Far from my cause, my proper heat and center

Better to walk forth in the frozen air

And wash my wound in the snows; that would be healing;

Because my heart would throb less painful there,

Being caked with cold, and past the smart of feeling.

And where I walked, the murderous winter blast

Would have this body bowed, these eyeballs streaming,

And though I think this heart’s blood froze not fast

It ran too small to spare one drop for dreaming.

Dear love, these fingers that had known your touch,

And tied our separate forces first together,

Were ten poor idiot fingers not worth much,

Ten frozen parsnips hanging in the weather.

(John Crowe Ransom)

(Traslat)

“Ricordo d’inverno”

Da due mali, ciascuno di per sé mostruoso,

Fui posseduto, lunghi, difficili a passare,

Un grido Assenza, Assenza, dentro il cuore

E nel bosco il gran soffio d’inverno furioso.

Non credere; ché quando la fiamma al focolare

Ardeva e non filtrava le chiuse porte il vento,

Io come quegli stecchi mi sentivo bruciare,

Lungi dalla mia causa, calore proprio e centro

Meglio nell’aria ghiacciata andare,

Nelle nevi lavare la mia ferita a guarirla,

Là meno doloroso il cuore mi batteva,

Cotto dal freddo, la pena senza sentirla

E dove io camminavo la raffica omicida

Questo corpo piegava, questi occhi stravolgendo,

Ed anche se nel cuore il sangue non mi ghiacciava

Troppo scarso scorreva per darne una goccia al sogno

Amore, queste dita che avevano conosciuto

La tua carezza e stretto le nostre forze unite,

Erano dieci povere stupide dita da nulla,

Dieci ghiacciate radici sospese nell’aria.

Annunci

Informazioni su Stella Olrich

Life is poetry when we are at peace with ourselves
Questa voce è stata pubblicata in Books e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...