117 Sonnet – William Shakespeare

Accuse me thus: that I have scanted all

Wherein I should your great deserts repay,

Forgot upon your dearest love to call,

Whereto all bonds do tie me day by day;

That I have frequent been with unknown minds,

And given to time your own dear-purchased right;

That I have hoisted sail to all the winds

Which should transport me farthest from your sight.

Book both my wilfulness and errors down,

And on just proof surmise accumulate;

Bring me within the level of your frown,

But shoot not at me in your wakened hate,

Since my appeal says I did strive to prove

The constancy and virtue of your love.

William Shakespeare

(Traslat)

-Sonetto 117-

Accusami così: che ho lesinato nel ripagare,

come dovevo, i tuoi grandi meriti,

e dimenticato di invocare il tuo carissimo amore,

al quale ogni impegno mi lega, giorno dopo giorno;

che ho frequentato menti sconosciute

e sperperato quel diritto che avevi pagato caro,

e ho alzato le vele a tutti i venti

che mi portassero quanto più lontano dalla tua vista.

Registra la mia sregolatezza ed i miei errori,

e aggiungi congetture a giuste prove;

esponimi alla mira del tuo occhio aggrondato,

ma non sparare su di me nel tuo ravvivato odio,

perché la mia difesa afferma che cercai solo di provare

la costanza e la forza del tuo amore.

Annunci

Informazioni su Stella Olrich

Life is poetry when we are at peace with ourselves
Questa voce è stata pubblicata in Books e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...